Friuli, compendio dell'universo

Il Friuli Venezia Giulia è una delle più piccole regioni d’Italia, collocata all'estremo nord-est del nostro paese, culla della tradizione mitteleuropea e terra colorata dalle sfumature dei diversi popoli e culture che l’hanno abitata nei secoli.

Come uno scrigno ripieno di gioielli, il Friuli è un ambiente variopinto ed unico. Accarezzato da freschi venti orientali e temperate brezze marine, è un compendio di numerosi elementi naturali che inizia con le Alpi a nord (ricoprenti il 42% della superficie della nostra già minuta regione), le colline ad est che ci separano dalla Penisola Balcanica, la Pianura Friulana ad ovest, prosecuzione della Val Padana, ed il Mar Adriatico a sud, accessibile tramite le lagune ed il Carso.

La complessità della superficie si ripete anche nel sottosuolo: il Friuli presenta le rocce sedimentarie più antiche di tutta la penisola italiana ed i processi pedogenetici hanno generato un ricchissimo corredo di profili compositi e polimorfici, riflessi nelle più di 130 unità pedogeografiche della nostra regione.

Queste caratteristiche, assieme all'unicità del microclima – a cavallo tra il tenore mediterraneo ed il clima continentale, contraddistinto da importanti escursioni termiche che permettono una maturazione lenta ed equilibrata delle uve – sono il presupposto ideale per la coltivazione della vite e l’ottenimento di vini equilibrati ed eleganti.

Sulla riva destra del Torre...

I nostri vigneti circondano Lauzacco, piccolo paese collocato sulla riva destra del torrente Torre ed a ridosso delle Prealpi Giulie. Ci troviamo quindi all’estremità orientale della Pianura Friulana, un’area delimitata a nord dalle Prealpi e dalle colline dell’Anfiteatro morenico e che si estende tra i fiumi Livenza e Isonzo, ricoprendo poco più di un terzo della superficie regionale.

La piana ebbe origine nel Quaternario, in un periodo compreso tra 18.000 e 14.500 anni B.P., quando gli scioglimenti dei ghiacciai post-LGM portarono a valle un aggregato calcareo-dolomitico estorto alle montagne. Nel settore settentrionale (la cosiddetta Alta Pianura) prevalgono ghiaie e sabbie, mentre a meridione (nella Bassa Pianura, separata dalla “Linea delle risorgive”) le granulometrie dei depositi si fanno più sottili e di conseguenza diminuisce la loro permeabilità.

Ci troviamo nella terra corrispondente all’Alta Pianura ed i nostri terreni si estendono su due unità pedogenetiche distinte: una a carattere franco-limoso, dove si trovano le nostre vigne di Pinot Grigio e di Merlot, l’altra franco-argillosa.

Scheletri comuni, assieme a ghiaie e sabbie, fan sì che entrambi i terreni siano ben drenati, definendo un ambiente salubre e soggetto ad un moderato stress idrico, ideale per la vite. Infine, mentre le argille contribuiscono favorevolmente donando un terreno che non ritiene calore, l'ampia superficie sassosa esalta l’escursione termica tra il giorno e la notte favorendo così uve con una spiccata dotazione aromatica.

Coltiviamo i quasi 30 ettari di vigneto con l’obiettivo di domare la naturale vigoria della vite ed ottenere uva armonica ed espressiva, mettendo in atto le seguenti pratiche:

  1. Allevamento a guyot con alta densità d’impianto (in media 5.600 piante/ha)
  2. Basse rese di circa 1,7kg per ceppo
  3. Potatura dedicata ad una sana longevità di ogni pianta

Ad oggi, testimoni del cambiamento climatico che sta lentamente modificando anche il normale evolversi dei cicli e ritmi delle viti, siamo impegnati nella ricerca di soluzioni agronomiche volte a mantenere gli standard qualitativi dell’uva nonostante l’innalzamento delle temperature medie.

Viticoltura sostenibile logica

“Viticoltura logica” è la filosofia su cui Valter Scarbolo ha da sempre basato la conduzione dei vigneti. Ogni situazione estrema causa scompensi e l’equilibrio è la chiave per il benessere di ogni essere vivente, incluse le viti, poiché crea condizioni sostenibili nel lungo termine - l'energia sana che ne consegue, quindi, risulta frutto di scelte logiche. Questo concetto è l’essenza della “viticoltura logica” e si traduce in determinate scelte agronomiche che portano ad intervenire il meno possibile nel vigneto, tenendo conto, però, che non sempre il clima è un alleato dell’agricoltore, e quindi proteggere i frutti nei momenti più delicati è una scelta logica...

è logico rispettare l’ambiente che ci circonda

è logico essere consapevoli che le nostre responsabilità di oggi sono l’eredità del domani

è logico preservare la qualità dei frutti per ottenere un vino che sappia parlare di territorio

Seguiamo il protocollo di viticoltura “SQNPI” che si fonda sul rispetto dei principi dell’ecologia e della sostenibilità ambientale, integrandosi al concetto di qualità dei prodotti agricoli. La volontà di orientare la conduzione di tutti i nostri vigneti verso pratiche più virtuose, impegnate, e responsabili possibili si realizza nell'inerbimento spontaneo dei filari e diserbo meccanico (creando un contesto favorevole all'impollinazione delle api), nel mantenimento di boscaglie e capezzagne in sostegno di una spiccata biodiversità e come rifugio per animali ed insetti, nell'infrequente uso di fertilizzanti di sola origine organica e minerale, e nella riduzione al minimo degli interventi in vigna e mai nei periodi delicati (come durante l'impollinazione). Il vino buono si fa con l’uva buona e sana.

Scarica il certificato qui

Esplora i nostri vigneti

Scegli la vigna dalla lista sotto oppure scarica la scheda dei vigneti.

CUGINI

Varietà: Friulano
Ettari: 0,8
Altitudine: 53
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco argilloso
Densità d'impianto: 5790
Data d'impianto: 2003

LARA

Varietà: Sauvignon, Chardonnay, Pinot Bianco
Ettari: 1,8
Altitudine: 53
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco argilloso
Densità d'impianto: 5333
Data d'impianto: 1993

TONI

Varietà: Merlot
Ettari: 0,3
Altitudine: 53
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco argilloso
Densità d'impianto: 3333
Data d'impianto: 1957

LE VECCHIE

Varietà: Merlot
Ettari: 0,5
Altitudine: 53
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco argilloso
Densità d'impianto: 3333
Data d'impianto: 1957

CAMPOSANTO

Varietà: Sauvignon
Ettari: 2,2
Altitudine: 56
Esposizione: Ovest - Est
Tipologia: Franco argilloso
Densità d'impianto: 5796
Data d'impianto: 2004

MATTIA

Varietà: Pinot Grigio
Ettari: 2,9
Altitudine: 51
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco limoso
Densità d'impianto: 5553
Data d'impianto: 1990

CODIS

Varietà: Pinot Grigio
Ettari: 3,3
Altitudine: 53
Esposizione: Nord - Sud
Tipologia: Franco limoso
Densità d'impianto: 5797
Data d'impianto: 2004

FERROVIA

Varietà: Merlot
Ettari: 2,2
Altitudine: 50
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco limoso
Densità d'impianto: 5555
Data d'impianto: 2001

BICINICCO

Varietà: Pinot Grigio
Ettari: 3,3
Altitudine: 42
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco limoso
Densità d'impianto: 5552
Data d'impianto: 2002

CORTELLO 1

Varietà: Refosco
Ettari: 3,4
Altitudine: 62
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco
Densità d'impianto: 4357
Data d'impianto: 2001

CORTELLO 2

Varietà: Pinot Grigio
Ettari: 2,6
Altitudine: 62
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco
Densità d'impianto: 5000
Data d'impianto: 2004

PERSEREANO

Varietà: Refosco
Ettari: 0,8
Altitudine: 51
Esposizione: Ovest - Est
Tipologia: Franco argilloso
Densità d'impianto: 5796
Data d'impianto: 2006

CORTELLO 3

Varietà: Glera
Ettari: 4,5
Altitudine: 62
Esposizione: Nord Ovest - Sud Est
Tipologia: Franco
Densità d'impianto: 2500
Data d'impianto: 2011